FEDERICO MONTALDO Photography
IVO SAGLIETTI. Lo sguardo inquieto.
1 / 8 ‹   › ‹  1 / 8  › pause play enlarge slideshow
Cile, 1984 (c) Ivo Saglietti
2 / 8 ‹   › ‹  2 / 8  › pause play enlarge slideshow
Cile, 1984 (c) Ivo Saglietti
Cuba, 1993 (c) Ivo Saglietti
3 / 8 ‹   › ‹  3 / 8  › pause play enlarge slideshow
Cuba, 1993 (c) Ivo Saglietti
Perù, 1989 (c) Ivo Saglietti
4 / 8 ‹   › ‹  4 / 8  › pause play enlarge slideshow
Perù, 1989 (c) Ivo Saglietti
Albania, 1999 (c) Ivo Saglietti
5 / 8 ‹   › ‹  5 / 8  › pause play enlarge slideshow
Albania, 1999 (c) Ivo Saglietti
Haiti, 1993 (c) Ivo Saglietti
6 / 8 ‹   › ‹  6 / 8  › pause play enlarge slideshow
Haiti, 1993 (c) Ivo Saglietti
Marmusa, Siria, 1999 (c) Ivo Saglietti
7 / 8 ‹   › ‹  7 / 8  › pause play enlarge slideshow
Marmusa, Siria, 1999 (c) Ivo Saglietti
Libano, 2008 (c) Ivo Saglietti
8 / 8 ‹   › ‹  8 / 8  › pause play enlarge slideshow
Libano, 2008 (c) Ivo Saglietti

IVO SAGLIETTI. Lo sguardo inquieto.

A cura di Federico Montaldo
Prefazione di Paolo Rumiz
Haiku di Nazario Dal Poz
(Postcart, 2021)

Dalla viva voce del suo protagonista, il libro ripercorre le tappe di un cammino, al tempo stesso umano e professionale. Dai primi passi a Torino come cineoperatore, alle tante guerriglie centro e sudamericane degli anni '80, dal Medio Oriente alla guerra nei Balcani, ai progetti a lungo termine su cui continua a lavorare, lo sguardo di Ivo Saglietti non è mai né distaccato né unicamente documentativo. Le sue immagini in bianco e nero sono da un'empatia e da un grande rispetto nei confronti dei soggetti ritratti. Sorretto da un forte senso etico - anche quando il suo cammino ha incontrato le realtà più violente ed efferate - nella sua fotografia non manca mai quell'attimo di umanità che nella sua visione deve sempre accompagnare il destino dell'uomo.

Link
https://www.federicomontaldo.it/ivo_saglietti_lo_sguardo_inquieto-s3626

Share link on
CLOSE
loading