FEDERICO MONTALDO Photography
L'AQUILA FERITA
1 / 42 ◄   ► ◄  1 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
2 / 42 ◄   ► ◄  2 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
3 / 42 ◄   ► ◄  3 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
4 / 42 ◄   ► ◄  4 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
5 / 42 ◄   ► ◄  5 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
6 / 42 ◄   ► ◄  6 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
7 / 42 ◄   ► ◄  7 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
8 / 42 ◄   ► ◄  8 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
9 / 42 ◄   ► ◄  9 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
10 / 42 ◄   ► ◄  10 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
11 / 42 ◄   ► ◄  11 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
12 / 42 ◄   ► ◄  12 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
13 / 42 ◄   ► ◄  13 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
14 / 42 ◄   ► ◄  14 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
15 / 42 ◄   ► ◄  15 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
16 / 42 ◄   ► ◄  16 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
17 / 42 ◄   ► ◄  17 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
18 / 42 ◄   ► ◄  18 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
19 / 42 ◄   ► ◄  19 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
20 / 42 ◄   ► ◄  20 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
21 / 42 ◄   ► ◄  21 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
22 / 42 ◄   ► ◄  22 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
23 / 42 ◄   ► ◄  23 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
24 / 42 ◄   ► ◄  24 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
25 / 42 ◄   ► ◄  25 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
26 / 42 ◄   ► ◄  26 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
27 / 42 ◄   ► ◄  27 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
28 / 42 ◄   ► ◄  28 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
29 / 42 ◄   ► ◄  29 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
30 / 42 ◄   ► ◄  30 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
31 / 42 ◄   ► ◄  31 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
32 / 42 ◄   ► ◄  32 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
33 / 42 ◄   ► ◄  33 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
34 / 42 ◄   ► ◄  34 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
35 / 42 ◄   ► ◄  35 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
36 / 42 ◄   ► ◄  36 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
37 / 42 ◄   ► ◄  37 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
38 / 42 ◄   ► ◄  38 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
39 / 42 ◄   ► ◄  39 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
40 / 42 ◄   ► ◄  40 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
41 / 42 ◄   ► ◄  41 / 42  ► pause play enlarge slideshow
L'AQUILA FERITA
42 / 42 ◄   ► ◄  42 / 42  ► pause play enlarge slideshow

L'AQUILA FERITA

6 Aprile 2009. Ore 3,32.
Per 23 lunghissimi secondi un sisma di Magnitudo 6,2 devasta L’Aquila e oltre 60 Comuni circostanti.
I morti sono 309, 1600 i feriti, oltre 65.000 gli sfollati, oltre 10 miliardi di euro i danni calcolati.
Ad oltre 3 anni dal quel tragico evento, il centro dell’Aquila è una città fantasma, avvolta nel silenzio, come un set abbandonato di un vecchio film western.
La “zona rossa” è tutt’ora presidiata dalla forza pubblica, che ne impedisce l’accesso, gli edifici sono completamente puntellati da travi esterne e impalcature; le porte delle case ancora in piedi sono serrate con catenacci; gli edifici pubblici spalancati.
Dalle mura sventrate delle case emergono tracce della vita che fu: armadi aperti con i vestiti appesi sulle grucce, libri caduti da scaffali in bilico sul vuoto, canottiere stese ad asciugare su fili rimasti miracolosamente tesi, interni diventati esterni in una manciata di secondi.
Non c’è traccia di ricostruzione, se non per pochi, limitatissimi interventi.
La popolazione è stata “trasferita” senza logica apparente nelle numerose “new town” costruite a caro prezzo e a tempo di record nel raggio di 10 chilometri dal centro.
Si tratta di “non luoghi” dove la gente vive spaesata, nell’attesa sempre più vaga di poter un giorno ritornare nelle proprie case.
Se possibile, ancora peggiore è la situazione dei paesi della provincia, dove il terremoto si è abbattuto come una frustata.
In questi borghi antichi, di una bellezza perduta per sempre, neppure le macerie sono state rimosse, e chissà se lo saranno mai.
L’aquila e gli altri paesi non saranno mai più gli stessi.
Si calcola in circa 3 anni il tempo perché una città possa recuperare se stessa, perché il tessuto sociale si ricomponga.
Quel tempo è ormai passato. Quei negozi non riapriranno, quelle persone non torneranno mai più alla vita di prima.
Se e quando la ricostruzione ci sarà, l’Aquila sarà una città diversa.
(Tratto da catalogo della mostra "L'aquila Ferita", 2012).
Share
Link
https://www.federicomontaldo.it/l_aquila_ferita-r8204
CLOSE
loading